Google chiuderà Stadia, il suo servizio di cloud gaming. Il servizio rimarrà attivo per i giocatori fino al 18 gennaio 2023. Google rimborserà tutto l’hardware acquistato tramite il Google Store, nonché tutti i giochi e i contenuti aggiuntivi acquistati dal negozio Stadia. Google prevede che i rimborsi saranno completati a metà gennaio.

“Qualche anno fa abbiamo lanciato un servizio di gioco per i consumatori, Stadia”, ha dichiarato Phil Harrison, vicepresidente e direttore generale di Stadia, in un post sul blog. “Sebbene l’approccio di Stadia allo streaming dei giochi per i consumatori fosse costruito su una solida base tecnologica, non ha ottenuto i numeri che ci aspettavamo, quindi abbiamo preso la decisione di chiuderlo”. I dipendenti del team Stadia saranno distribuiti in altri settori dell’azienda.

Harrison ha dichiarato che Google utilizzerà la tecnologia di Stadia in altri settori dell’azienda, come YouTube, Google Play e in materia di AR. L’azienda prevede anche di renderla disponibile ai partner del settore.

Google ha spiegato nel dettaglio alcuni aspetti della chiusura in una FAQ. I rimborsi saranno effettuati automaticamente attraverso i negozi Google e Stadia, e non sarà necessario restituire alcun hardware. Gli abbonamenti a Stadia Pro non potranno essere rimborsati, ma non saranno addebitati costi durante il periodo di chiusura e potrete accedere ai giochi che avete riscattato come utenti Pro fino a quando tutto non verrà chiuso. Il negozio di Stadia ha chiuso, quindi non sarà possibile acquistare giochi o transazioni in-game.

L’anno scorso si era diffusa la voce che Stadia avrebbe chiuso i battenti dopo che il numero di giochi pubblicati sulla piattaforma era rallentato e l’azienda aveva chiuso i suoi studi di sviluppo interno. Quando queste voci si sono ripresentate quest’anno, Google ha insistito sul fatto che Stadia non avrebbe chiuso. “State tranquilli, siamo sempre al lavoro per portare altri grandi giochi sulla piattaforma e su Stadia Pro”, ha dichiarato l’azienda in un tweet. Il che era vero… fino ad oggi.

Microsoft, che ha investito molto nel cloud gaming, non ha voluto commentare. Nvidia (proprietaria del servizio di cloud gaming GeForce Now) e AT&T (che ha utilizzato la tecnologia di Stadia) non hanno risposto alle richieste di commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *